home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
| | stampa scheda
 
scarica immagine
Augé
NONLUOGHI

traduzione di Dominique Rolland - Carlo Milani

Marzo 2024 - I ed. 1993
 
l'opera
Il nonluogo indica due realtà complementari ma distinte: gli spazi costituiti in rapporto a certi fini (trasporto, transito, commercio, tempo libero) e il rapporto che gli individui intrattengono con questi spazi. E se i luoghi antropologici creano un sociale organico, i nonluoghi creano solitudine e similitudine.

Introduzione di Marco Aime

I nonluoghi sono quegli spazi dell'anonimato ogni giorno più numerosi e frequentati da individui simili ma soli. Nonluoghi sono sia le infrastrutture per il trasporto veloce (autostrade, stazioni, aeroporti) sia i mezzi stessi di trasporto (automobili, treni, aerei). Sono nonluoghi i supermercati, le grandi catene alberghiere con le loro camere intercambiabili, ma anche i campi profughi dove sono parcheggiati a tempo indeterminato i rifugiati da guerre e miserie. Il nonluogo è il contrario di una dimora, di una residenza, di un luogo nel senso comune del termine. E al suo anonimato, paradossalmente, si accede solo fornendo una prova della propria identità: passaporto, carta di credito... Nel proporci una antropologia della surmodernità, Augé ci introduce anche a una etnologia della solitudine.

Introduzione - leggi
l'autore [scheda autore]
Marc Augé (Poitiers, 1935 - Parigi, 2023), africanista di formazione, si è occupato di antropologia delle società complesse.
dello stesso autore
VILLE E TENUTE - Etnologia della casa di campagna
LA GUERRA DEI SOGNI - esercizi di etno-fiction
CHE FINE HA FATTO IL FUTURO? -
L'ANTROPOLOGIA DEL MONDO CONTEMPORANEO -
NONLUOGHI -
UN ETNOLOGO NEL METRÒ -
percorsi di lettura
ANTROPOLOGIA