home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
| | stampa scheda
 
scarica immagine
Cipriano
LA FABBRICA DELLA CURA MENTALE



Ottobre 2021 - I ed. 2013
 
l'opera
Mai nei libri di psichiatria si parla di legare la gente, mai se ne parla negli anni di specializzazione. Ma allora perché è una pratica tanto diffusa che coinvolge l’80% degli spdc? È una questione di etica e di cultura: altro che reclamare più operatori, occorre cambiar loro la testa!

A distanza di decenni dall’approvazione della legge 180, che sanciva la fine del manicomio, Cipriano ci racconta cos’è oggi un Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura. Se il manicomio ricordava un campo di concentramento, l’attuale spdc ricorda una fabbrica, dove lo psichiatra è il tecnico specializzato addetto alla catena di montaggio umana, e il malato la macchina biologica rotta da aggiustare non con la parola ma con il farmaco. Così, quei luoghi destinati ad accogliere la sofferenza mentale sono diventati le roccaforti di una rinata cultura manicomiale in cui ad apparire socialmente pericolosi sono spesso proprio coloro che avrebbero dovuto garantire la gestione umana ed efficace delle crisi psichiatriche.
l'autore [scheda autore]
Piero Cipriano (1968), medico psichiatra psicoterapeuta, di formazione cognitivista ed etnopsichiatrica, ha lavorato in vari Dipartimenti di Salute Mentale d'Italia, dal Friuli alla Campania, da qualche anno lavora in un SPDC di Roma.
dello stesso autore
LA SOCIETA' DEI DEVIANTI - depressi, schizoidi, suicidi, hikikomori, nichilisti, rom, migranti, cristi in croce e anormali d’ogni sorta (altre storie di psichiatria riluttante)
IL MANICOMIO CHIMICO - cronache di uno psichiatra riluttante
BASAGLIA E LE METAMORFOSI DELLA PSICHIATRIA -
LA FABBRICA DELLA CURA MENTALE - Diario di uno psichiatra riluttante
percorsi di lettura
CRITICA DELLE ISTITUZIONI TOTALI
SCIENZA E SOCIETA'