home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
| | stampa scheda
 
scarica immagine
Boni
HOMO COMFORT



Maggio 2019
Nuova edizione aggiornata
 
l'opera
Siamo sempre pi¨ dipendenti da protesi e trattamenti che ci tengono in vita, ma che riducono la nostre capacitÓ di goderla.
Serge Latouche

La vita comoda piace a tutti, ma Ŕ proprio questa accettazione generale e acritica che va interrogata per comprendere i cambiamenti epocali indotti dall'imperante ipertecnologia. Prepotentemente entrata nella nostra routine quotidiana, la comoditÓ Ŕ diventata non solo uno stile di vita ma anche un modo di conoscere che ha plasmato la cultura materiale e gli stessi modelli valutativi. Si configura dunque come un fatto sociale totale che ci consente di indagare la cesura antropologica che ha dato vita a una forma inedita di umanitÓ: l'Homo comfort. Ovvero un'umanitÓ che va liberandosi della fatica e del dolore, ma che al contempo perde facoltÓ sensoriali e abilitÓ conoscitive costruite nel corso dei secoli, diventando sempre pi¨ dipendente da una tecnologia che usa ma non conosce. Oltretutto, a partire dagli ultimi decenni del Novecento e in una fase di comfort ormai diffuso e avanzato (quanto meno nel mondo occidentale e occidentalizzato), Ŕ in corso un'ulteriore trascendenza dalla naturalitÓ che ridefinisce l'organico: oggi la cura del corpo e l'alimentazione salutista appaiono come le uniche forme in grado di fornire quell'appagamento complessivo che l'edonismo invece non sembra pi¨ in grado di offrire.
l'autore [scheda autore]
Stefano Boni (Roma, 1970) insegna Antropologia culturale e Antropologia politica presso le UniversitÓ di Modena e Reggio Emilia,
dello stesso autore
CULTURE E POTERI - un approccio antropologico
VIVERE SENZA PADRONI - Antropologia della sovversione quotidiana
percorsi di lettura
ANTROPOLOGIA