home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
| | stampa scheda
 
scarica immagine
Godard
CONTRO IL LAVORO

traduzione di Guido Lagomarsino

Gennaio 2020 - I ed. 2011
 
l'opera
Una ricostruzione storico-antropologica che partendo dall'opera di Marshall Sahlins sulle società primitive e passando per il concetto di dono e di non-azione, delinea un'alternativa alla logica produttivista contemporanea.

Mettere in discussione il lavoro significa mettere in discussione il senso della vita. Il lavoro, infatti, concorre in modo prioritario a definire l'identità del singolo e il suo posto nel mondo. Eppure, nonostante questa invadente presenza nella vita e nei rapporti sociali, è ben lontano dall'esprimere la nostra creatività, impedendoci oltretutto di sperimentare relazioni più ricche e articolate. Nella società contemporanea, questa attività umana fondamentale è ormai solo uno strumento funzionale ai meccanismi della società dei consumi e ai suoi desideri indotti, che ci ha ridotti a zombi che lavorano freneticamente per consumare ancora più freneticamente. In questa critica radicale (in senso etimologico) del lavoro, Godard destruttura in particolare quelle ideologie – figlie dall'etica protestante, ma anche dell'etica del lavoro di matrice socialista – che da due secoli stanno incollate come una maledizione alla pelle della modernità.
l'autore [scheda autore]
Philippe Godard (Bar-le-duc, 1959) ha diretto collane per ragazzi in varie case editrici. Da molti anni si occupa della tematica lavoro da svariati punti di vista e in particolare si è occupato dello sfruttamento infantile.
dello stesso autore
LADRI D'INFANZIA - Contro il lavoro minorile
IL CONSENSO NELL'EPOCA DEL TERRORISMO -
percorsi di lettura
CRITICA DELLE ISTITUZIONI TOTALI
RESISTENZE