home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
| | stampa scheda
 
scarica immagine

IL PREGIUDIZIO PSICHIATRICO



Maggio 2020 - I ed. 1989
 
l'opera
In questo libro ricco di «prove documentali» – le cartelle cliniche che smascherano la psichiatria come scienza e infrangono le nostre sicurezze – Antonucci non teorizza ma dimostra, sulla base della sua trentennale esperienza nelle istituzioni manicomiali, a che cosa porta il "pregiudizio psichiatrico": a una condanna senza processo, senza difesa e senza appello.

prefazione di Thomas Szasz
postfazione di Maria Rosaria D'Oronzo


«A ben poco serve attaccare l'istituzione del manicomio – scrive Antonucci – se non si porta un attacco radicale allo stesso giudizio psichiatrico che ne è alla base, mostrandone l'insussistenza scientifica. Finché non sarà abolito quello che di fatto è un pre-giudizio, la realtà della segregazione psichiatrica continuerà a fiorire dentro e fuori le pareti del manicomio». Dall'«istituzione negata» alla negazione della psichiatria. Ed è appunto questa la tesi centrale del libro di Antonucci, ovvero che la malattia mentale non è una malattia e la psichiatria non è una scienza. Un'affermazione dura, perentoria che potrebbe suonare incredibile se non fosse fondata su 250 certezze, tanti quanti sono stati i pazienti di Imola che ha "liberato" dalla segregazione psichiatrica. Non esiste un'alternativa alla psichiatria se non l'abolizione della psichiatria. Il ricorso di Antonucci all'esperienza personale non risponde a uno scopo autobiografico ma alla necessità di portare il lettore a osservare la realtà senza pregiudizi, a conoscere direttamente gli uomini e le donne vittime dei trattamenti psichiatrici, a fondare la critica su storie vere, su fatti concreti e inconfutabili.