home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
| | stampa scheda
 
scarica immagine
Wolff
IN DIFESA DELL'ANARCHIA

traduzione di Guido Accolti Gil e Amedeo Bertolo

Aprile 2020 - I ed. 1999
 
l'opera
Una completa sfiducia nell’autorità costituita è diventato uno dei capisaldi della cultura popolare. Sono ben lungi dal deplorare questo atteggiamento. Anzi, lo considero una prova della fondamentale salute politica del popolo: essendo stato ingannato, turlupinato e imbrogliato, ha giustamente concluso che non poteva più fidarsi dei suoi rappresentanti eletti.

Quali sono i fondamenti su cui poggia la legittimità dello Stato, ovvero del paradigma che conforma da secoli il pensiero politico occidentale? In questo saggio che anticipa l’attuale crisi della rappresentanza, Wolff sviluppa una serrata critica della «metafisica dello Stato», sostenendo l’intrinseca incompatibilità tra autorità politica statuale e autonomia morale del singolo. Una destrutturazione argomentata della democrazia rappresentativa – a favore di una democrazia diretta vista come anarchia positiva – che mina alle fondamenta l’intera teoria politica tradizionale, riaprendo in tutta la sua complessità la questione della legittimità del potere.

indice e prefazioni - leggi
l'autore [scheda autore]
Robert Paul Wolff (New York City, 1933), filosofo, è professor emeritus alla Massachusetts State University di Amherst.
percorsi di lettura
FILOSOFIA POLITICA ED EPISTEMOLOGIA
PENSIERO ANARCHICO E LIBERTARIO