home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
 
scarica immagine

CRITICA DELLA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE
nuovi movimenti, crisi dello Stato, democrazia diretta

traduzione di Arturo Potassa Cravani

2012
prefazione di Stefano Boni
120 pp.
€ 10,00
€ 9,50
EAN 9788896904138
 
l'opera

L'anti-leader del movimento Occupy Wall Street

"Zuccotti Park e tutte le altre occupazioni si sono trasformate in spazi in cui sperimentare istituzioni sociali diverse. E non si sono organizzate con le modalità della democrazia diretta solo le assemblee, ma anche le cucine, le biblioteche, i presidi medici, la comunicazione e molte altre istituzioni basate sui principi dell'aiuto reciproco e dell'auto-organizzazione. Un efficace tentativo di creare la nuova società nel guscio della vecchia".

David Graeber su Al Jazeera, 30 novembre 2011


È nei nuovi movimenti sociali estranei alle istituzioni e alle mitologie prevalenti che oggi si vede all'opera un ideale democratico capace di mobilitare dal basso l'intera società. E il futuro della democrazia sta proprio lì.

Nonostante la civiltà occidentale rivendichi l'invenzione della democrazia, Graeber ci mostra come in molte società «altre» ci siano state, nel tempo e nello spazio, forme democratiche basate sull'auto-organizzazione comunitaria ben lontane dal paradigma occidentale gerarchico e disegualitario. Non solo, nello stesso Occidente stiamo assistendo alla nascita tumultuosa di nuovi movimenti di critica radicale dell'esistente che stanno sperimentando una molteplicità di processi decisionali egualitari fondati su pratiche orizzontali e modalità di condivisione. Proprio questi esperimenti sociali in atto dimostrano come la democrazia sia un'invenzione molto più ricca e articolata della riduttiva concezione statuale imposta dall'Occidente come modello unico. Anzi, è proprio questo modello a essere oggi in crisi, perché è fallito il suo progetto di coniugare le procedure democratiche con i meccanismi coercitivi dello Stato e dunque creare democrazie nel senso pieno del termine.


"Chi c'è dietro al movimento? Antropologo e anarchico, David Graeber è tra gli ispiratori di Occupy Wall Street, il movimento di protesta partito da New York che si è diffuso in tutto il mondo".

«Internazionale», 4 novembre 2011


Indice e prefazione - leggi


presentazione e dibattito con david graeber 1 2 3


intervista a david graeber di enrico piovesana su E-il mensile


video intervista a david graeber sul fatto quotidiano


intervista  a david  graeber su wired di manuela messina


materiali
Indice e prefazione - .pdf- 162 Kb
eventi
Milano, 13 giugno 2012 - david graeber: critica alla democrazia occidentale - cs cantiere
Roma, 14 giugno 2012 - David Graeber - occupy wall street - Teatro Valle Occupato
Brescia, 14 ottobre 2012 - David Graeber: Critica alla democrazia occidentale - Circolo Anarchico Bonometti
Pisa, 18 ottobre 2012 - David Graeber: Critica alla democrazia occidentale - Circolo Anarchico Kronstadt
Marghera, 23 febbraio 2013 - Critica della democrazia occidentale - Ateneo degli imperfetti
Volterra, 26 aprile 2013 - Critica della democrazia occidentale - Spazio libertario Pietro Gori