home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
 
scarica immagine
Kupiec
LA CONCEZIONE ANARCHICA DEL VIVENTE

traduzione di Carlo Milani

Luglio 2021
256 pp.
€ 18,00
€ 17,10
EAN 9788833021188
 
l'opera

L'idea che un essere vivente sia solo l'esito di un «programma genetico» non regge più. La vita non è scritta da nessuna parte. È tempo che si affermi un nuovo paradigma scientifico in grado di affrancarsi dal dogma deterministico e di riconoscere la variabilità come proprietà primaria del vivente.

La genetica è nata e si è sviluppata su un presupposto deterministico: la stabilità del gene e la sua trasmissibilità ereditaria. Eppure tutta la biologia contemporanea ci parla della variabilità come di una condizione permanente ed essenziale dell'essere vivente che non può essere ridotta a puro rumore o fluttuazione: il caso non è un accidente che perturba il processo deterministico. Nel vivente non c'è un ordine stabilito bensì un disordine organizzato che rende possibile la vita e la sua evoluzione. Ampliando il campo di applicazione dell'ontologia darwiniana, che assume la variazione aleatoria come forza motrice del processo evolutivo, Kupiec delinea una concezione anarchica del vivente che contesta l'idea di un ordine cogente inscritto nei geni. Gli organismi non sono società centralizzate di cellule che obbediscono al genoma o all'ambiente esterno, ma comunità cellulari autogestite che vivono per sé stesse e che per mantenere le proprie funzioni vitali sono spinte a cooperare, realizzando delle vere e proprie reti di mutuo appoggio. Ed è questa la nuova via che deve intraprendere la ricerca biologica per uscire dalle secche in cui l'ha spinta la genetica.

indice e introduzione - leggi

intervista all'autore di giancarlo cinini uscita su il tascabile - leggi

recensione di gerard lambert su ytali - leggi


l'opera

Da secoli ormai «orizzontale» e «verticale» non sono più due semplici concetti geometrici ma gli assi portanti su cui è costruito il nostro immaginario sociale, gli assetti spaziali che ordinano ed esplicitano le relazioni di potere, configurando quelle geometrie umane che stabiliscono il posto di ciascuno all'interno della collettività.

Lo spazio è una dimensione cognitiva imprescindibile. Non è dunque casuale che le raffigurazioni spaziali siano quelle che rendono immediatamente leggibile la soggiacente struttura di potere. Come testimonia una vastissima iconografia, la disposizione dei corpi nello spazio – al centro o ai margini, in alto o in basso, in grande o in piccolo – permette infatti di cogliere in tutta la loro evidenza le relazioni sociali proprie di un dato contesto. Ed è grazie al suo sguardo di antropologo che Boni ha potuto costruire questo originale percorso visivo che individua, nel tempo e nello spazio, le multiformi figure assunte da un potere a vocazione gerarchica e da un principio egualitario propenso invece alla circolarità. Così, attraverso un'analisi delle posture corporali, delle coreografie rituali, delle strutture architettoniche e dei tanti dispositivi associati alle posizioni apicali, si delinea un'inedita storia di quella contrapposizione tra alto e basso che attraversa tanto la modernità quanto l'etnografia classica, per riproporsi intatta oggi nell'inesausta tensione tra l'orizzontalità sperimentata dai nuovi movimenti sociali e l'iper-verticalità che connota i poteri globali, finanza in testa.

indice e introduzione - leggi


recensione di francesco boer su l'alchimia dei simboli - leggi

recensione di pablito el drito su us/them/yours - leggi

intervista su radio città aperta - ascolta

video on the couch

recensione di bianca nogara notarianni e massimo filippi su dinamopress - leggi

estratto uscito su l'indiscreto - leggi

puntata dedicata al libro su qui comincia radio 3 - ascolta

classifica di qualità de l'indiscreto - leggi

recensione di fabio malagnini su pulp libri - leggi

video on the couch

l'autore [scheda autore]
Jean-Jacques Kupiec è ricercatore in biologia ed epistemologia al centro Cavaillès dell'Ecole Normale Supérieure di Parigi. Specialista di biologia molecolare e di filosofia della biologia, ha lavorato in particolare sull'embriogenesi e sulla differenziazione cellulare.
dello stesso autore
NÉ DIO NÉ GENOMA -
NE' DIO NE' GENOMA - Per una nuova teoria dell'ereditarietà
rassegna stampa
Sun 12 Dec 2021 - La lettura
Classifica di qualità- 1862 Kb
Sat 20 Nov 2021 - Il manifesto
Se Darwin non si può archiviare del tutto - 436 Kb
Mon 01 Nov 2021 - Blow up
Genetica anarchica - 467 Kb
Sat 31 Jul 2021 - Robinson - La repubblica
La concezione anarchia del vivente - 180 Kb
materiali
La concezione anarchia del vivente indice e introduzione - pdf- 514 Kb
percorsi di lettura
SCIENZA E SOCIETA'