home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
 
scarica immagine
Latour
DISINVENTARE LA MODERNIT└
Conversazioni con Franšois Ewald

traduzione di Carlo Milani

2008
72 pp.
€ 10,00
EAN 9788898860227
 
l'opera
I politici snocciolano sempre pi¨ spesso presunti "dati scientifici" nei loro discorsi. Conservatori o progressisti  che siano, tutti si affannano ad assicurarsi  il sostegno di qualche "dato certo", fornito da "esperti", per le loro opinioni e decisioni. Come se vi fossero certezze sui fatti e univocitÓ di interpretazioni. Le scoperte scientifiche e le innovazioni tecnologiche hanno contribuito a creare il nostro mondo moderno. L'hanno reso pi¨ vivibile e confortevole. Ma nessun esperto,  nessuno scienziato, pu˛ controllare e prevedere ogni cosa. E gli "effetti collaterali" dello sviluppo si moltiplicano e amplificano. Che fare? Che fare se l'intreccio di fatti e valori sembra destinato a riproporsi, a dispetto del progresso e della modernitÓ, e diversi sistemi di valori si affrontano? Latour in queste brevi conversazioni delinea una risposta forte. Bisogna "disinventare" la modernitÓ e costruire spazi di mediazione, di negoziazione, fra diverse culture, saperi e tradizioni. Solo attraverso l'idea di un mondo comune potremo comprenderne la pluralitÓ.
l'autore [scheda autore]
Bruno Latour (Beaune, 1947) insegna presso l'Institut d'╔tudes Politiques di Parigi. Filosofo e antropologo, ha svolto ricerche etnografiche in Africa e in America. 
dello stesso autore
NON SIAMO MAI STATI MODERNI -
rassegna stampa
Fri 19 Sep 2008 - Il Gazzettino
Scaffale- 150 Kb
Mon 23 Jun 2008 - L'Unita
Bruno Latour: quando eravamo moderni il mondo era cosý semplice - 136 Kb
Fri 07 Mar 2008 - Il Corriere della Sera
Un prudente disincanto difronte la modernitÓ - 70 Kb
Mon 03 Mar 2008 - Le Monde diplomatique
Dialoghi asimmetrici - 64 Kb
Wed 06 Feb 2008 - Avvenire
Latour lancia la sua nuova modernitÓ - 65 Kb
percorsi di lettura
ANTROPOLOGIA
CONVERSAZIONI
DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE
SCIENZA E SOCIETA'