home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
ESAURITO | | stampa scheda
 
Ward
DOPO L'AUTOMOBILE
per un nuovo modello di mobilità

traduzione di Andrea Buzzi

2012 - I ed. 1992
prefazione di Franco La Cecla - postfazione di Giuseppe Onufrio
168 pp.
€ 13,00
EAN 9788896904190
 
l'opera
acquista in formato ebook

Dopo l'automobile va consigliato a tutti, e soprattutto a tutti i guidatori: è la più intelligente messa in discussione di questo feticcio del ventesimo secolo che ha grandemente contribuito ad alleviare le nostre pene e a crearne altre, anche più disastrose.

Goffredo Fofi

È possibile un diverso e più efficace modello di mobilità, si chiede Colin Ward in questo libro profetico che ha aperto la riflessione su un totem della modernità? Non solo è possibile, ma è anche inevitabile, risponde l'autore insieme a Franco La Cecla e Giuseppe Onufrio, che contestualizzano il discorso alla realtà italiana. La mobilità personale è stata infatti una preziosa conquista dell'umanità, ma il ricorso esasperato all'automobile individuale l'ha trasformata in una calamità: ha distrutto l'ambiente urbano, è costato più vite umane di una guerra mondiale, ha sprecato enormi quantità di energie non rinnovabili e ha contribuito massicciamente all'inquinamento atmosferico. Non solo, ma all'interno delle città ha persino fatto registrare una velocità di movimento inferiore a quella di cento anni fa. Per superare l'impasse in cui ci siamo cacciati, Ward suggerisce alcune valide alternative – individuali e collettive – a difesa della libertà di muoversi, nella speranza che dopo l'era del feticismo automobilistico di massa si possa aprire un'era felicemente post- automobilistica.


Lo sguardo anarchico di Ward consiste proprio in questo. Nel cogliere la contraddizione senza cadere in uno solo dei due corni di essa: né nel rifiuto della mobilità, né nell'apologia del mezzo che la permette. E nel denunciare l'intero repertorio della distruttività automobilistica ricercando, nel contempo, la via per garantire all'umanità quel diritto al movimento che rimane integrante dello statuto della modernità.
Marco Revelli

l'autore [scheda autore]
Colin Ward (1924-2010) è stato architetto, giornalista, insegnante, ma soprattutto uno dei maggiori pensatori anarchici della seconda metà del XX secolo.
dello stesso autore
ARCHITETTURA DEL DISSENSO - forme e pratiche alternative dello spazio urbano
L'ANARCHIA - Un approccio essenziale
CONVERSAZIONI CON COLIN WARD - Lo sguardo anarchico
ACQUA E COMUNITÀ - contro la privatizzazione di un bene comune
ANARCHIA COME ORGANIZZAZIONE -
ARCHITETTURA DEL DISSENSO -
rassegna stampa
Wed 20 Feb 2013 - Senzauto.it
Dopo l'automobile- 485 Kb
percorsi di lettura
ECOLOGIA